File:1773 - Richer, François (1718-1790), Causes célèbres et interéssantes, avec les jugemens qui les ont décidées. Rhey, Amsterdam, 1773, Tome 6, pp. 401-415.pdf

Da Wikipink - L'enciclopedia LGBT italiana.

Decrizione

  • Estratto digitale da: François Richer (1718-1790), Causes célèbres et interéssantes, avec les jugemens qui les ont décidées. Rédigées de nouveau par M. Richer, ancien Avocat au Parlement, Rhey, Amsterdam 1773, tome 6, pp. 401-415, "Prétendue hermaphrodite". Fare clic sull'immagine per scaricare il documento.

Resoconto del processo contro la suora Angelique de la Motte d'Apremont, avvenuto nel 1661 e riportato per la prima volta da François Gayot di Pitaval nel 1735, all'interno delle sue Causes célèbres, una serie di volumi in cui, anche se rielaborati con toni romanzeschi, erano narrati celebri processi del passato. La serie venne poi ripresa e rielaborata dal giurista François Richer.
Angélique d'Apremont nacque nel 1606 e a 17 anni, il 19 novembre del 1623, entrò come novizia nel convento di Chartres, affiliato all'ordine di Sant'Agostino e diretto dalla sua zia materna. Dal 1654 la direzione del convento passò ad Angélique stessa. Nel frattempo un'altra donna, Gabrielle Damilly, iniziò ad affermare di essere lei ad avere ricevuto l'incarico della direzione del convento, e fece compiere dalle autorità ecclesiastiche alcune ispezioni, dalle quali emersero sospetti che la de la Motte avesse avuto relazioni amorose con altre ragazze. Oltre a questo, si ipotizzò la natura intersessuale di Angélique, cosa che avrebbe quindi delegittimato ulteriormente il suo incarico. Si arrivò a un processo, al termine del quale la de la Motte perse tutti i suoi privilegi, e venne incarcerata a vita.

Fonte

Collezione Luca Locati Luciani.

Copyright

1773 - Richer, François (1718-1790), Causes célèbres et interéssantes, avec les jugemens qui les ont décidées. Rhey, Amsterdam, 1773, Tome 6, pp. 401-415.pdf
Immagine in pubblico dominio

Questa immagine è nel pubblico dominio perché l'opera rappresentata:

  • se è un'opera dell'ingegno umano, è stata prodotta da un autore morto almeno 70 anni; se non è un'opera dell'ingegno umano, non è eleggibile per il copyright (esempio: un paesaggio);
  • è stata fotografata da autore morto da almeno 70 anni, oppure è stata da lui volontariamente donata al pubblico dominio, o non era eleggibile per la protezione del diritto d'autore;
  • oppure manca delle caratteristiche di originalità e creatività necessarie per la protezione del diritto d'autore (l'immagine è stata ottenuta tramite riproduzione meccanica, come scansione o fotocopia, di una immagine a sua volta nel pubblico dominio). Attenzione: le scansioni professionali di opere nel pubblico dominio possono essere in certi casi protette dal diritto d'autore.

Può essere liberamente riprodotta. È comunque gradita la citazione della fonte, anche tramite link.

Si rammenta che le immagini che rappresentano persone, anche quando liberamente riproducibili, ricadono sempre sotto la protezione del diritto d'immagine della persona rappresentata, specie per quanto riguarda eventuali usi diffamatori e contrari all'onorabilità del soggetto ritratto.


Chi desidera aggiungere questa licenza ad un'immagine che sta caricando scriva: {{PD}} nella scheda di descrizione.

Cronologia del file

Fare clic su un gruppo data/ora per vedere il file come si presentava nel momento indicato.

Data/OraDimensioniUtenteCommento
attuale11:18, 24 feb 20190 × 0 (2,72 MB)Gdallorto (Discussione | contributi)==Decrizione== * Estratto digitale da: François Richer (1718-1790), ''Causes célèbres et interéssantes, avec les jugemens qui les ont décidées. Rédigées de nouveau par M. Richer, ancien Avocat au Parlement'', Rhey, Amsterdam 1773, tome 6, pp. 4...
  • Impossibile sovrascrivere questo file.

Nessuna pagina contiene collegamenti al file.