Libreria Babele

Da Wikipink - L'enciclopedia LGBT italiana.
Versione del 24 feb 2020 alle 22:55 di Gdallorto (Discussione | contributi) (Creata pagina con "La Libreria Babele nel 2005. La '''Libreria Babele''' di Milano è stata una libreria specializ...")

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
La Libreria Babele nel 2005.

La Libreria Babele di Milano è stata una libreria specializzata in opere culturali a tematica omosessuale, lesbica, e transessuale, sotto forma di libri, opere cinematografiche, ed opere grafiche. Faceva parte del fenomeno delle librerie di comunità, diffuso negli anni settanta con le librerie delle donne, le librerie operaie, le librerie alternative, eccetera.

Fu fondata originariamente in via Sammartini dalla rivista gay Babilonia, e nel nome scelto contiene un'allusione sia all'omonima opera di Jorge Luis Borges, sia al nome della rivista fondatrice. Il motivo della creazione fu la difficoltà incontrata dalle persone LGBT nel rintracciare nelle librerie generaliste le opere a tematica LGBT, particolarmente accentuata nell'epoca precedente all'avvento di Internet e delle vendite di libri online.

Scritte omofobe sulla vetrina (febbraio 2006).


Successivamente la "Libreria Babele" di Milano è diventata un'azienda autonoma, staccandosi dalla rivista "Babilonia". Il nuovbo proprietario, Felix Cossolo, dopo alcuni anni la cedette a Gianni Delle Foglie, che la gestì assieme a Francesco Ingargiola. Il successo della libreria portò Francesco Ingargiola a trasferirsi a Roma per aprire un nuovo punto vendita, dallo stesso nome, non lontano da Castel Sant'Angelo. Successivamente la proprietà venne divisa ed ognuna delle due libreria divenne una società autonoma. Dopo la morte di Francesco Ingargiola, la libreria fu rilevata dal suo compagno. Chiuse alcuni anni dopo, vittima delle crisi di tutte le librerie "di comunità", e dalla minore dimensione della piazza libraria di Roma rispetto a quella di Milano.

Entrambe le librerie Babele proponevano attività culturali regolari sotto forma di conferenze, dibattiti, presentazione di autori ed editori.

Trasferitasi in uno spazio molto più grande nel 2000, in via Ebro 11, alle attività tradizionali la Libreria Babele di Milano aveva aggiunse l'attività di galleria d'arte specializzata anch'essa nella tematica LGBT.

La libreria di Milano ha cessato le sue attività[1] il 1º settembre 2008 per un breve periodo sino al 31 luglio 2009, quando ha ricominciato la propria attività con un nuovo proprietario in una nuova sede in viale Regina Giovanna.[2]

Anche il punto di vendita di viale Regina Giovanna è stato poi chiuso definitivamente nel 2012. La sola libreria gay sopravvissuta in Italia è oggi la Libreria Antigone.

Note

  1. Template:Cita news
  2. Template:Cita news

Voci correlate

Collegamenti esterni