Vincenzo Patanè

Da Wikipink - L'enciclopedia LGBT italiana.
Vincenzo Patanè.

Vincenzo Patanè (Acireale, 24 dicembre 1953) è un giornalista, critico cinematografico e attivista gay italiano.

Ha vissuto l'infanzia nella cittadina siciliana, per poi trasferirsi a nove anni a Napoli, dove si è laureato in Lettere e ha conseguito il diploma nella scuola di perfezionamento di Storia dell’arte medioevale e moderna. Dal 1981 vive a Venezia, dove insegna storia dell'arte presso il Liceo artistico statale.

È autore di numerose monografie sul cinema e sulla storia del cinema, in particolare quello a tematica lgbt, e sulla storia e la cultura gay (vedi bibliografia).

Nel 2000 è stato protagonista del documentario A qualcuno piace gay, diretto da Anton Giulio Onofri, che ispirandosi al suo omonimo libro, rilegge in chiave cronologica il cinema italiano a tematica omosessuale.

Ha fatto parte di giurie di Festival come il 18° Festival internazionale di film con tematiche omosessuali di Torino (2003), la 1ª edizione del Queer Lion Award (collegata alla 64ª Mostra del Cinema di Venezia nel 2007) e il 7° Festival Internacional de Cinema Gai i Lèsbic de Barcelona.

Da oltre un ventennio collabora con l'Ufficio Cinema del Comune di Venezia e alla sua pubblicazione "Circuito Cinema", ideando e organizzando numerose rassegne cinematografiche, nell'àmbito dell'"Associazione Amici del Circuito Cinema di Venezia".

Infine, per conto di Palazzo Grassi ha organizzato le rassegne cinematografiche Ombre ammonitrici. Il cinema espressionista tedesco (1997) e Pablo Picasso: dalla pittura al cinema (1998).

All'attività di critico Patanè affianca quella giornalistica, contribuendo ininterrottamente dal 1990 a testate come Babilonia, Pride o ai siti "Terence" e "Culturagay.it".

La sua ultima pubblicazione è una biografia di Lord Byron: L'estate di un ghiro - Il mito di Lord Byron attraverso la vita, i viaggi, gli amori, le opere.

Bibliografia

  • Ebano nudo (Rebellato, Fossalta di Piave 1982).
  • Cinema e pittura (Ufficio Attività Cinematografiche del Comune di Venezia, Venezia 1992).
  • A qualcuno piace gay. Guida al cinema gay e lesbico in videocassetta (Babilonia edizioni, Milano 1995, ISBN 88-86386-07-9).
  • Derek Jarman (Ufficio Attività Cinematografiche del Comune di Venezia, Venezia 1995).
  • Shakespeare al cinema (Ufficio Attività Cinematografiche del Comune di Venezia, Venezia 1997).
  • "L'omosessualità nel cinema americano 1987/1998" e "Breve storia del cinema italiano con tematica omosessuale" (in Vito Russo, Lo schermo velato, Baldini & Castoldi, Milano 1999, ISBN 88-8089-403-X).
  • Arabi e noi. Amori gay nel Maghreb (con un saggio di Gianni De Martino, DeriveApprodi, Roma 2002, ISBN 88-87423-55-5).
  • L'altra metà dell'amore. Dieci anni di cinema omosessuale (DeriveApprodi, Roma 2005, ISBN 88-88738-84-3).
  • "L'immaginario gay e il cinema" (in We will survive!, a cura di Paolo Pedote e Nicoletta Poidimani, Mimesis, Milano 2007, ISBN 978-88-8483-567-3).
  • "L'omosessualità nel Medio Oriente e in Nord Africa" (in Vita e cultura gay. Storia universale dell'omosessualità dall'antichità a oggi, a cura di Robert Aldrich, Cicero, Venezia 2007, ISBN 88-89632-09-7).
  • 100 classici del cinema gay. I film che cambiano la vita (1931-1994) (Cicero, Venezia 2009, ISBN 978-88-89632-20-8).
  • Oasi gay - Miti & titani della cultura omosessuale e lesbica (Cicero, Venezia 2010, ISBN 978-88-89632-25-3).
  • "Dieux, Héros & Titans" (in Delos - Le peintre des dieux, héros et mythologies di Frédéric Desclos, Galerie Delos, Pressigny les Pins, 2013).
  • L'estate di un ghiro - Il mito di Lord Byron attraverso la vita, i viaggi, gli amori, le opere (Cicero, Venezia, 2013, ISBN 978-88-89632-39-0).
  • "L'homosexualité et la métamorphose du mâle maghrébin" (in Masculinités maghrébines. Conceptions littéraires et cinématographiques du masculin, a cura di Claudia Gronemann e Michael Gebhard, Rodopi, Amsterdam, 2013). In uscita a settembre 2014.

Voci correlate

Collegamenti esterni