Utente:Raffaeleladu/Sandbox/Omosessualità ed ebraismo/v0000

Da Wikipink - L'enciclopedia LGBT italiana.
Voce curata da Raffaele Yona Ladu - liberamente modificabile.

Le fonti

Premessa fondamentale è che tutti gli ebrei contemporanei, salvo i samaritani ed i caraiti, derivano dai farisei, per cui alla Torah scritta[1] accoppiano la Torah orale[2], ovvero un insieme di tradizioni che vengono fatte risalire alla stessa Teofania sul Sinai, che guidano l'interpretazione della Scrittura, ed alimentano la letteratura rabbinica[3].

I caraiti rifiutano tutto questo; si può aggiungere che anche Gesù lo rifiutava, ma il Nuovo Testamento è intriso di queste tradizioni rabbiniche.

La Torah scritta

Il Pentateuco

Levitico 18:22
Levitico 20:13
Deuteronomio 23:18
Il colossale equivoco di Sodoma e Gomorra

In ambito cristiano, si ritiene comunemente che la colpa che, secondo Genesi 19, alle città di Sodoma e Gomorra costò la distruzione con fuoco e zolfo caduti dal cielo sia stata l'omosessualità maschile.

In realtà, leggendo Ezechiele 16:49 (traduzione Nuova Riveduta):

« Ecco, questa fu l'iniquità di Sodoma, tua sorella: lei e le sue figlie vivevano nell'orgoglio, nell'abbondanza del pane, e nell'ozio indolente; ma non sostenevano la mano dell'afflitto e del povero. »

ci si rende conto che si trattava di ben altra cosa.

Una conferma autorevole la dà proprio il fondatore del cristianesimo, secondo Matteo 10:11-15 (Nuova Riveduta):

« 11 In qualunque città o villaggio sarete entrati, informatevi se vi sia là qualcuno degno di ospitarvi, e abitate da lui finché partirete.

12 Quando entrerete nella casa, salutate.

13 Se quella casa ne è degna, venga la vostra pace su di essa; se invece non ne è degna, la vostra pace torni a voi.

14 Se qualcuno non vi riceve né ascolta le vostre parole, uscendo da quella casa o da quella città, scotete la polvere dai vostri piedi.

15 In verità vi dico che il paese di Sodoma e di Gomorra, nel giorno del giudizio, sarà trattato con meno rigore di quella città. »

e secondo Luca 10:5-12 (Nuova Riveduta):

« 05 In qualunque casa entriate, dite prima: "Pace a questa casa!"

06 Se vi è lì un figlio di pace, la vostra pace riposerà su di lui; se no, ritornerà a voi.

07 Rimanete in quella stessa casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché l'operaio è degno del suo salario. Non passate di casa in casa.

08 In qualunque città entriate, se vi ricevono, mangiate ciò che vi sarà messo davanti,

09 guarite i malati che ci saranno e dite loro: "Il regno di Dio si è avvicinato a voi".

10 Ma in qualunque città entriate, se non vi ricevono, uscite sulle piazze e dite:

11 "Perfino la polvere della vostra città che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scotiamo contro di voi; sappiate tuttavia questo, che il regno di Dio si è avvicinato a voi".

12 Io vi dico che in quel giorno la sorte di Sodoma sarà più tollerabile della sorte di quella città. »

Se la colpa di Sodoma fosse stata l'omosessualità, il paragone con Sodoma sarebbe stato improprio; se invece era la mancanza di ospitalità verso gli angeli del Signore, allora il paragone con Sodoma è correttissimo.

L'opinione degli ebrei d'oggi su Sodoma l'aveva già riassunta Flavio Giuseppe in Antichità Giudaiche, Libro 1, Capitolo 11, versetto 1[4][5]:

« In quell'epoca i sodomiti divennero orgogliosi, per il loro patrimonio e grande ricchezza; divennero ingiusti verso gli uomini, ed empi verso Dio, in quanto non ricordavano i vantaggi che ne avevano ricevuto: odiavano gli stranieri, e rifiutavano ogni rapporto con gli altri. Indignato da questa condotta, Dio decise perciò di punirli per la loro arroganza. »

L'equivoco, secondo John McNeill[6], era nato nel giudaismo della Diaspora, che aveva espresso quest'opinione negli Apocrifi dell'Antico Testamento, che influenzarono la Seconda Lettera di Pietro, e la Lettera di Giuda, consolidando così anche nel cristianesimo l'opinione che il peccato di Sodoma e Gomorra fosse di sesso.

Gli autori del Talmud (Chazal)

I sofrim

Le zugot

I tannaiti

Gli amorei

I savorei

Gli autori successivi al Talmud

I geonim

I rishonim

Gli acharonim

Le denominazioni

Sebbene gli ebrei siano appena 13.746.100 (stima del 2012)[7], si dividono in diverse denominazioni (con rapporti non sempre facili tra loro[8]), di cui viene qui riportato, modificandolo, l'elenco che ne dà il sito MyJewishLearning.Com[9]:

Poiché il mondo ebraico è un magma ribollente, l'elenco (aggiornato al 23 Settembre 2014) va considerato solo provvisorio, e ad esso si dovrebbero aggiungere dei movimenti che trascendono le denominazioni[10], come ad esempio:

Dal nostro punto di vista, ci accontentiamo di raggruppare le varie tendenze in due gruppi: i tradizionalisti e gli innovatori.

I tradizionalisti

Questi interpretano la Torah in modo omofobo, e non si sentono autorizzati a derogarvi.

I samaritani

Gli ortodossi

I caraiti

Gli innovatori

Questi sono invece LGBT-friendly - o perché leggono diversamente il testo biblico, o perché ritengono possibile derogarvi.

I riformati

I conservatori

I ricostruzionisti

Gli umanisti

Altri movimenti

Aleph
Classical Reform Judaism

Note

  1. The Written Law, "The Jewish Virtual Library", consulato il 9 Ottobre 2014.
  2. Oral Torah, "EnWikipedia.Org", consultato il 9 Ottobre 2014.
  3. Judaism and the Modern Attitude to Homosexuality | 2002, Writen By Rabbi Dr. Norman Lamm, consultato il 23 Settembre 2014.
  4. Josephus: The Complete Works,"Christian Classics Ethereal Library", consultato il 23 Settembre 2014.
  5. What was the sin of Sodom?,"Interfaith Working Group Online", consultato il 23 Settembre 2014.
  6. John McNeill, The Church and the Homosexual, Boston, MA, USA : Beacon Press, 1993, ISBN 0-8070-7931-6
  7. Vital Statistics : Jewish Population of the World (1882 - Present), "Jewish Virtual Library", consultato il 23 Settembre 2014.
  8. Relationships between Jewish religious movements, "En.WikiPedia.org", consultato il 23 Settembre 2014.
  9. The Jewish Denominations, "MyJewishLearning", consultato il 23 Settembre 2014.
  10. Jewish Religious Movements . Modern Movements or Denominations, "En.WikiPedia.org", consultato il 23 Settembre 2014.

Bibliografia