Stefano Bucaioni

Da Wikipink - L'enciclopedia LGBT italiana.
Voce a cura di Riccardo Strappaghetti, liberamente modificabile.

Stefano Bucaioni (Perugia, 27 gennaio 1981) è un attivista LGBTI italiano. Attualmente è Presidente di Omphalos LGBTI e vicepresidente nazionale di Arcigay.

Stefano Bucaioni durante una manifestazione per i diritti LGBTI

Lo scout cacciato perché gay

Inizia la sua militanza nel 2002 quando subisce gravi discriminazioni all'interno della FSE (Federazione dello scoutismo europeo) a seguito del suo coming out. Stefano, allora ventunenne, rifiuta di subire i soprusi dell'organizzazione scoutistica di cui faceva parte fin dalla tenera età e ne denuncia il caso[1]. I vertici nazionali della FSE ritengono incompatibile l'essere educatore scout con l'essere omosessuale. La vicenda arriva sulla stampa nazionale come il Corriere della Sera [2], a trasmissioni radiofoniche come Radio Capital[3] e televisive come il Maurizio Costanzo Show su Canale 5.

Stefano Bucaioni in divisa da scout (primi anni 2000)

Stefano si congeda definitivamente dalla FSE con una lettera aperta il 26 giugno 2002[4][5]:

« Cari fratelli scout,

ho deciso di prendere di nuovo in mano la penna e scrivere una lettera, questa volta la scrivo a tutti voi, dopo il primo articolo e gli altri comparsi di seguito, dopo la puntata del Costanzo Show, a tutti voi che avete cercato di farvi una vostra idea, non accontentandovi di quella degli altri. Questa volta non è un’intervista o un riportare parti di una memoria. Sono io in queste parole. Non scrivo per convincermi, né tanto meno per convincervi. Questa lettera vuole essere un pensiero rivolto a tutti voi, affinché possiate capire quali sono i sentimenti e le emozioni che stanno dietro a tutto quello che ho fatto.

Tutto iniziò con quell’articolo, scritto di getto e firmato con il nome di Capitan Jonathan, il gabbiano che aveva imparato ad essere capitano di se stesso, scoprendo il modo per vivere a pieno la sua vita e trasmetterla agli altri. Un po’ era questo quello che mi proponevo, cercare di trasmettere questa mia felicità e questo mio amore agli altri, invitando a capirlo per quanto inusuale potesse sembrare. In fondo sempre di amore si tratta. Quell’articolo era il riassunto di mesi di riflessioni, mesi passati a cercare un "filo più grosso" dove restare in equilibrio. Da quei mesi ne sono passati tanti altri, sono passati amici vicini e lontani, consigli, scelte, opinioni, tutte cose che hanno segnato un mio profondo processo di crescita. Tanto ho sperato che quell’articolo uscisse su Carnet di Marcia, perché sapevo che qualcosa stava cambiando ed i tempi potevano essere maturi per affrontare un argomento tanto delicato quanto attuale. Ma l’assurda volontà di non creare altri problemi, di non affrontare questo ostacolo, ha spinto molti a lasciar perdere il dialogo. Non importava più parlarne perché avrebbe in qualche modo scosso il finto equilibrio in cui tutti noi ci culliamo.

E già… forse per colpa del mio carattere, forse perché questa volta si trattava dello scoutismo, e basta entrare in camera mia per capire quanto lo scoutismo sia presente nella mia vita, che ho deciso di non rimanere fermo ad aspettare. Aspettare ancora.

Ho deciso che il mio unico obiettivo sarebbe stato aprire un forte dialogo e confronto a tutti i livelli, perché la mia storia, la mia esperienza potesse diventare un vero punto di partenza. Ma come? Come potevo se tutti intorno mi chiedevano di lasciar perdere e non parlarne? Come potevo se tutti mi rimproveravano di essere stato leale perché ci avevo solo perso?

" Socrate, per questa volta non daremo retta ad Anito, e ti assolviamo, ma a questa condizione: che tu non sprechi più tempo in questa ricerca e non faccia più filosofia; se verrai colto a farla, morirai. –

Se davvero voi mi assolveste alla condizione che ho detto, vi risponderei: – Cittadini ateniesi, io vi amo e vi rispetto, ma ubbidirò al dio piuttosto che a voi, e finché avrò respiro e sarò in grado di farlo, non smetterò di fare filosofia… "

Socrate ha difeso fino all’ultimo le sue convinzioni, rispettando le regole, ma cercando, con la sua grande autodifesa, di cambiarle. Io ho cercato di fare lo stesso. Ho difeso fino all’ultimo le mie convinzioni, rispettando le dure regole ed allontanandomi dal servizio, ma cercando con umiltà e stile di cambiarle.

Mai una sola volta ho pensato ad un "attacco" all’associazione, e mai una volta ho creduto che quello che mi era stato imposto fosse un "attacco" nei miei confronti. I forum che si sono aperti, le e-mail che sono girate ininterrottamente tra i ragazzi ed i capi dell’associazione, i contatti con altri ragazzi che vivono la mia stessa esperienza erano il mio obiettivo e sono il nostro risultato. Adesso si che se ne parla, adesso si che i ragazzi iniziano a chiedere qualcosa ai capi, adesso si… forse, qualcosa potrà cambiare!

Se in tutto questo ci ho perso un po’, passando da antagonista dell’associazione, da ragazzo senza valori, da polemico, non importa.

Questa è stata la mia caccia, condotta sempre con lo stile di uno Scout, di uno Scout d’Europa… E’ stata una dura caccia, insieme ai miei fratelli di Perugia che mai ho smesso di amare! Una caccia in cui il ricordo del sorriso di ogni singolo fratellino del branco mi dava una forza in più per continuare a sperare.

Le persone che mi hanno rinnovato la loro fiducia e la loro stima, sono i genitori dei lupetti che per quattro anni ho portato per mano… E questa, signori miei, è una grande vittoria!

Se l’Associazione continuerà nella sua scelta, questa volta lo farà perché è stata trasparente, libera da ipocrisie, lo farà grazie ad un confronto sereno che, altrimenti, non si sarebbe mai aperto. Allora potrò andarmene serenamente per la mia strada.

Anche se le ultime parole del congedo di Socrate, rendono bene lo stato d’animo in cui spesso queste settimane mi sono trovato, uno stato d’animo di chi subisce ingiustamente una sentenza, ora non sono più adatte! Il congedo più adatto per uno Scout che scrive ad altri fratelli Scout può essere solo uno…

Forza con queste pagaie! Buona Strada.

Stefano Bucaioni' »

La questione arriva in Parlamento quando il deputato Franco Grillini è primo firmatario di un'interrogazione[6] ai ministri del Welfare e delle Pari Opportunità, Roberto Maroni e Stefania Prestigiacomo. Nell'interrogazione si chiede di sapere se la sezione italiana della Federazione Scoutismo Europea riceva finanziamenti dagli enti pubblici e se, nel caso, sia giusto finanziare un'associazione che "sceglie di attenersi a condotte discriminatorie verso i propri iscritti".

Dopo l'addio agli scout Stefano trova in Omphalos LGBTI e nell'allora presidente Patrizia Stefani l'appoggio per la sua causa di civiltà e inizia a frequentare assiduamente l'associazione LGBTI perugina fino a diventarne attivista a tempo pieno. Ne diventa ben presto Segretario e successivamente Tesorire e al suo fianco prosegue la militanza LGBTI, fatta eccezione per un breve periodo in cui ha vissuto all'estero, divenendone dopo 14 anni dal suo ingresso Presidente il 18 settembre 2016.

L'impegno in Arcigay

  • Nel 2007 Responsabile Nazionale Scuola di Arcigay
  • Fino al 2012 Tesoriere Nazionale di Arcigay
  • Dal 2013 al 2016 Tesoriere di Omphalos LGBTI.
  • Nel novembre 2015 il XV Congresso Nazionale di Arcigay elegge Stefano Bucaioni, già Tesoriere di Omphalos LGBTI, vicepresidente (Flavio Romani è Presidente e Gabriele Piazzoni Segretario) [7]
  • Nel settembre 2016 l'VIII Congresso di Omphalos LGBTI lo elegge Presidente dell'associazione[8].

La battaglia per i diritti civili

Stefano Bucaioni ha costantemente supportato pubblicamente la causa dei diritti civili a livello nazionale [9] e internazionale [10] [11]. Il 4 settembre 2014, dopo sei mesi dall'entrata in vigore della legge sul matrimonio egualitario in Gran Bretagna, si sposa con Antonio Fabrizio a Londra diventando la prima coppia gay umbra ad essersi sposata all'estero [12]. Matrimonio che non viene trascritto dall'amministrazione del Comune di Perugia guidata dal sindaco di centrodestra Andrea Romizi[13] nonostante il primo sindaco italiano a trascrivere un matrimonio same sex contratto all'estero sia stato il sindaco di Fano Stefano Aguzzi, aderente allo stesso partito di Romizi. [14] Dopo il rigetto dell'istanza di trascrizione da parte dell'amministrazione comunale la coppia ottiene dal Tribunale un inconsueta sospensione in attesa dell'approvazione della legge sulle unioni civili [15]. Il DDL Cirinnà approvato come Legge n. 76 il 20 maggio 2016 non risolve definitivamente la questione della trascrizione dei matrimoni same sex contratti all'estero, prevedendone l'iscrizione nel registro delle unioni civili. La Corte di Cassazione infatti, con la Sentenza 2487 del 31 gennaio 2017[16] (prima sezione civile), ha reso inattaccabile la trascrizione del matrimonio contratto in Francia da cittadine francesi (di cui una anche cittadina italiana) nel registro dei matrimoni, divenendo il primo caso in Italia di matrimonio same sex riconosciuto come matrimonio a tutti gli effetti dall'ordinamento italiano.[17]

Stefano Bucaioni e Antonio Fabrizio sposi a Londra il 4 settembre 2014

Note

  1. Carlo Tatti, Lo scout che non voleva mentire, Pride, agosto 2002. [1]
  2. Io, capo dei boy scout, degradato perché omosessuale, Corriere della Sera, domenica 9 giugno 2002, p.16
  3. Radio Capital, Scandali al sole con Sortino sul caso di Stefano Bucaioni [2]
  4. Gli scout sotto tiro, gay.it [3]
  5. Stefano Bucaioni, Lettera aperta alla FSE, 26 giugno 2002 gay.it [4]
  6. Interrogazione Parlamentare di Franco Grillini sul caso di Stefano Bucaioni, seduta n. 169 del 3/7/2002 [5]
  7. Anonimo, Arcigay, il perugino Stefano Bucaioni è vicepresidente nazionale, Umbria 24, 16 novembre 2015 [6]
  8. Anonimo, Stefano Bucaioni eletto presidente di Omphalos: «Continua la battaglia per l’uguaglianza», Umbria 24, 19 settembre 2016 [7]
  9. Intervento di Stefano Bucaioni all'assemblea nazionale di GayLeft con il segretario dei DS Piero Fassino, 2008 [8]
  10. Intervista a Stefano Bucaioni di Front Line Defenders sulla situazione dei diritti LGBTI in Italia, 2016 [9]
  11. Intervento di Stefano Bucaioni all'8° conferenza di Front Line Defenders di Dublino, 4-6 novembre 2015. LGBT rights at the core of the EU. A long way to go [10]
  12. Primo matrimonio gay di una coppia umbra, Corriere dell'Umbria, 6 settembre 2014 [11]
  13. Perugia, sindaco non trascrive matrimonio gay. La protesta: «Atto grave». Romizi: «È la legge» [12]
  14. Fano, sindaco di centrodestra trascrive nozze gay: è il primo in Italia [13]]
  15. Coppia gay chiede la trascrizione del matrimonio, i giudici: 'Aspettiamo la legge', Gaypost, 1 aprile 2016 [14]
  16. "Corte di Cassazione,Sentenza 2487 del 31 gennaio 2017" [15]
  17. Anonimo, Cassazione: matrimonio valido per due donne di Avellino, La Repubblica, 1 febbraio 2017. [16]