Portia de Rossi

Da Wikipink - L'enciclopedia LGBT italiana.
Voce creata da Malemar e originariamente caricata su it.Wikipedia.
Può essere liberamente riprodotta citando la fonte.
Portia de Rossi (a sinistra) con la moglie Ellen DeGeneres nel 2012.

Portia de Rossi, pseudonimo di Amanda Lee Rogers (Melbourne 31 gennaio 1973) è un'attrice australiana.

Biografia

Cresciuta a Grovedale, un sobborgo di Geelong, rimase orfana di padre a 9 anni e nel 1988 cambiò il suo nome originale con quello con cui è oggi conosciuta: Portia de Rossi. Il suo primo ruolo significativo è stato quello di una giovane modella impressionabile nel film del 1994 Sirene. Subito si trasferì a Los Angeles e, dopo diversi ruoli da ospite in show televisivi, ottenere un ruolo in Scream 2.

Portia ha guadagnato l'attenzione internazionale quando, nel 1998, si unì nel cast principale della serie Ally McBeal nella parte dell'avvocato Nelle Porter. È rimasta nel telefilm fino alla sua fine nel 2002. Nel 2001 ha lavorato nel film Who is Cletis Tout? con Christian Slater. Dal 2003 al 2006, de Rossi ha il ruolo di Lindsay Bluth Fünke nella serie televisiva Arrested Development.

Dal 2009 al 2010 ha interpretato il ruolo di Veronica Palmer nella serie televisiva Better Off Ted - Scientificamente pazzi; successivamente ha preso parte ad alcuni episodi della quinta stagione di Nip/Tuck. Nel 2010 ha dato alle stampe un libro autobiografico, intitolato Unbearable Lightness, incentrato sui momenti negativi della sua vita, come la lotta contro l'anoressia.

Vita personale

De Rossi e le co-star di Ally McBeal Calista Flockhart e Courtney Thorne-Smith hanno sofferto, durante il telefilm, di anoressia nervosa: De Rossi sostenne che a farla soffrire della malattia eramo state l'enorme pressione e, in parte, la sua sessualità[1].

Portia, che è stata sposata per due anni con il regista di documentari Mel Metcalfe, oggi è dichiaratamente lesbica[2]. Dal 2000 al 2004 De Rossi ha frequentato la cantante Francesca Gregorini, figlia dell'attrice Barbara Bach e figliastra di Ringo Starr. Durante questo periodo, ha evitato le domande dei media sul suo orientamento sessuale o sulla sua relazione, ma è stata ben disposta a farsi fotografare in pubblico con la Gregorini[3].

Qualche anno più tardi, in un'intervista con il quindicinale gay The Advocate, de Rossi affermò che la maggior parte della sua famiglia e i compagni di lavoro del cast di Ally McBeal hanno saputo, nel 2001, della sua omosessualità attraverso le foto dei giornali tabloid che la ritraevano con la Gregorini[4].

Alcune voci affermano che la coppia avesse progettato di ufficializzare la propria relazione con una cerimonia di fidanzamento o di matrimonio e avesse parlato di adottare un bambino, ma il progetto è stato vanificato, alla fine del 2004, dalla rottura intervenuta fra le due quando De Rossi ha iniziato a frequentare l'attrice e conduttrice Ellen DeGeneres. Nel 2005 de Rossi ha infine fatto il suo coming out ufficiale e si è dichiarata gay in alcune interviste con i periodici Details e The Advocate[3].

Il 16 agosto 2008 è convolata a nozze con Ellen DeGeneres[5], assumendo di conseguenza la cittadinanza statunitense nel settembre del 2011. La coppia, che aveva manifestato l'intenzione di non avere figli[6], ha attraversato un momento di crisi nel marzo del 2016, tanto che si sono diffusi dei rumors relativi alla loro separazione[7].

Voci correlate

Note

  1. "Portia de Rossi's Oprah cry talking about the shocking details of her anorexia and how Ellen's love saved her", London, UK: Dailymail.co.uk, 30 ottobre 2010.
  2. Portia de Rossi: 'I Would Starve Myself Daily', abcnews.go.com, 3 novembre 2010.
  3. 3,0 3,1 Portia heart & soul, The Advocade, 29 agosto 2005 (archiviato dall'originale il 16 maggio 2015).
  4. Portia de Rossi nips at new TV challenges - USATODAY.com
  5. Ellen and Portia Get Married, people.com, 17 agosto 2008.
  6. Ellen DeGeneres And Portia de Rossi Don't Want Children, huffingtonpost.com, 24 ottobre 2011.
  7. Ellen DeGeneres, Portia De Rossi to separate?, indianexpress.com, 15 marzo 2016.

Collegamenti esterni