Migranti e omosessualità

Da Wikipink - L'enciclopedia LGBT italiana.

Fra due culture: problemi dei migranti lgbt

Logo di "Immigrazioni e omosessualità".

In Italia l'immigrazione è un fenomeno recente che tuttavia sta raggiungendo percentuali simili a quelle di Paesi con una più lunga storia d’immigrazione.

Mentre inizialmente i migranti erano soprattutto maschi con un progetto migratorio a breve termine, ora le comunità straniere sono rappresentate sempre più da famiglie che arrivano col progetto di inserirsi e costruirsi un futuro in Italia.

All'interno di queste comunità vi sono sempre più persone omosessuali e transessuali, con bisogni specifici sia rispetto alle comunità etniche di riferimento, sia rispetto alla più ampia comunità lesbica, gay, bisessuale e transgender (lgbt) italiana.

I migranti lgbt nell'integrazione incontrano ostacoli specifici, che si aggiungono a quelli normalmente sperimentati dagli stranieri.

In particolare i servizi rivolti ai migranti sono progettati e forniti senza considerare la dimensione dell'orientamento sessuale e dell'identità di genere. Ciò limita l'efficacia della relazione operatore-utente, diminuisce l'incisività di alcuni interventi (per esempio nel supporto e nell'orientamento) e può addirittura dimostrarsi controproducente (come le campagne sanitarie per la prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale, pensate sì per stranieri, ma che non fanno menzione delle possibilità di contagio tra persone dello stesso sesso).

Dall'altro lato i servizi forniti dalla comunità lgbt sono fortemente collegati al modello culturale di uomo-gay e donna-lesbica occidentali, modelli in cui molti migranti con comportamenti omosessuali non si riconoscono.

L'esperienza ha provato che i servizi d'informazione, di supporto o di counselling forniti dalle organizzazioni Lgbt possono quindi non essere efficaci per i migranti con comportamenti omosessuali.

Infine, una delle principali risorse di informazioni, orientamento e supporto per gli stranieri sono le reti informali interne alle comunità migranti. A causa dei tabù verso i temi dell'orientamento sessuale e dell'identità di genere, molti migranti lgbt non possono contare sulla propria comunità di origine per risolvere determinati problemi o trovare supporto.

Nuovi approcci nel campo dell'integrazione

Per ovviare a questi problemi Arcigay ha creeato un suto trovare informazioni utili su immigrazioni e omosessualità (legislazione e giurisprudenza, notizie dal mondo), contatti, risorse utili e le pubblicazioni collegate al progetto "Nuovi approcci nel campo dell'integrazione dei migranti residenti in Italia: l'aiuto ai migranti lesbiche, gay, bisessuali e transessuali (LGBT)" realizzato con un contributo del Ministero della Solidarietà Sociale ai sensi della Legge n° 383/2000 - art. 12 - lett. F.

Bibliografia

  • AA.VV. (Franco Grillini, Gianpaolo Silvestri, Corrado Carrubba), Opportunità e discriminazioni, Editoriale Eco, Roma 2000 (Supplemento a "Il sole che ride" n. 21, settembre 2000).

Link esterni