Mario Monti

Da Wikipink - L'enciclopedia LGBT italiana.
Mario Monti

Mario Monti (19 Marzo 1943 - vivente) è economista neoliberista, docente universitario, senatore a vita ed è stato Presidente del Consiglio dei Ministi dal novembre 2011 all'ottobre 2012.

Dichiarazioni sui diritti gay

Solo con l'avvio della campagna elettorale per le elezioni politiche del 2013 Mario Monti, molto riservato sulla questione dei diritti lgbt tanto che è impossibile reperire fino al gennaio 2013 qualsiasi sua dichiarazione su questi temi, incomincerà a affrontare la questione nel ruolo di candidato premier per la lista centrista "Agenda Monti per l'Italia", intervistato su SkyTg24, da Gianluca Semprini.

Alla domanda "Parliamo di coppie sposate e di coppie di fatto. Di coppie eterosessuali e di coppie omosessuali. Secondo lei hanno gli stessi diritti? Devono avere gli stessi diritti?", il candidato risponde:

« La dignità della persona, come ci insegna la Costituzione, va profondamente rispettata. Questi sono temi importantissimi, magari anche più importanti delle riforme economiche e sociali. Il criterio di unificazione delle forze che si riconoscono adesso nella nostra iniziativa è stato un altro criterio: cioè le riforme economico sociali per la crescita e su questo non ci saranno divergenze. Su questi temi che non sono meno importanti, ma meno urgenti dal punto di vista della crescita del paese, ci sarà credo un grandissimo ruolo del Parlamento più ancora che del Governo, e ci sarà un sereno confronto tra posizioni che potranno anche non convergere al cento per cento, come è normale[1]»

Qualche giorno dopo poi, Monti, in una intervista con Ilaria D'Amico a "Lo spoglio", su Skytg24, si dice contrario al matrimonio gay e favorevole, genericamente, alla regolamentazione delle convivenze:

« Il mio pensiero è che la famiglia debba essere costituita da un uomo ed una donna, e ritengo necessario che i figli debbano crescere con una madre ed un padre[2]»
Il candidato ha aggiunto:
« il Parlamento può certamente trovare delle soluzioni convincenti per regolare altre forme di unioni e convivenze [...] Nel nostro movimento politico ci sono idee pluralistiche su questo tema così come nella società e negli altri partiti»

Note

  1. Anonimo, Monti: i diritti gay sono importanti, ma adesso non sono nostra priorità. Prima riforme per la crescita, "Gaymagazine.it", 7 gennaio 2013.
  2. Anonimo, Monti:«Dico no ai matrimoni gay», "Corriere.it", 16 gennaio 2013.