Lorenzo Fontana

Da Wikipink - L'enciclopedia LGBT italiana.
Lorenzo Fontana. Foto della Camera dei Deputati.
Lorenzo Fontana è un politico della Lega Nord, futuro ministro della Famiglia e della disabilità nel Governo Conte. Attualmente è parlamentare europeo. Fontana è vicino all'associazione conservatrice, Reazione Identitaria.[1]

Prese di posizione sui temi LGBTI

Fontana è un fautore dell'ideologia no-gender. Nel 2014 avrebbe dovuto partecipare ad un convegno, intitolato "Omofobia o eterobia?" assieme al giurista cattolico Gianfranco Amato e a Roberto Fiore di Forza Nuova.[2] La questura di Milano aveva impedito la conferenza (senza contradittorio) perché «i temi dell'omofobia e dell'eterofobia (sic!) costituiscono, in questo momento storico, argomenti in grado di suscitare forti contrapposizioni».

Quando l'allora ministra dell'istruzione, Stefania Giannini (Governo Renzi) aveva bollato come «truffa culturale» la "teoria del gender" e aveva diffidato chiunque dall'utilizzare tale espressione riferendosi alla legge sulla "Buona scuola", Fontana rispose che le parole del ministro erano un «inaccettabile bavaglio che puzza di regime»[3] Lo stesso Fontana aveva addirittura smentito il movimento no-gender, affermando che «[è] vero che tecnicamente e formalmente non si parla di teoria gender».

Nel 2017 aveva raccolto l'appello di "Notizie ProVita" per la chiusura dell'UNAR.[4]

Sempre nel febbraio 2017 aveva così commentato una sentenza favorevole al riconoscimento della genitorialità di due uomini che avevano avuto un figlio con la GPA:

« "Pezzi di Stato continuano nel tentativo di minare la famiglia tradizionale rendendo il peggior servizio alle nostre comunità, nate e cresciute proprio grazie a un modello di famiglia basato su madri e padri (senza i quali, è opportuno ricordarlo, in natura non è possibile generare una nuova vita)”. “Il tentativo, tutto ideologico, di mercificare la vita umana non è certo una conquista di civiltà, al contrario rappresenta un pericoloso precedente, che apre a scenari inquietanti"[5]»

Note

  1. Reazione Identitaria
  2. Sabrina Cottone, Incontro e libro sull'«eterofobia». Negata la sala e poi il presidio, "il Giornale", 9 marzo 2014.
  3. Anonimo, Gender a scuola, parole intimidatorie dalla ministra Giannini, "www.alleanzaperlaliberta.it", 16 settembre 2015.
  4. Lorenzo Fontana, Vergogna! Spettacoli gay nelle scuole a firma Unar. E’ ora di chiudere questo ufficio della Presidenza del..., Tweet, 27 febbraio 2017.
  5. Redazione, Utero in affitto e acquisto di 2 bambini? È tutto ok, a Trento], "Notizie ProVita", 1 marzo 2017.