L'altro martedì

Da Wikipink - L'enciclopedia LGBT italiana.

L’Altro martedì è tra i primi (e il più longevo) dei programmi radiofonici dedicati al mondo gay e lesbico in Italia. E' ospitato dalle frequenze di Radio Popolare, un'emittente di Milano, dal 1980.

Storia

La trasmissione nasce nel 1980 su iniziativa di Paolo Hutter, giornalista a "Radio Popolare", ha cadenza settimanale e va in onda ogni martedì dalle 20:30 alle 21:30, sulla frequenza FM 107,6 Mhz.

Hutter riunisce le energie di alcuni attivisti come Paolo Rumi, che proveniva da un'esperienza a "Radio Canale 96" con un programma legato ai C.O.M. (un collettivo omosessuale vicino ad Avanguardia Operaia), Gianni Rossi Barilli, Enzo Lancini, Roberto Polce, Mattia Morretta, Alessandro Musolino (in arte "Sandy") e altri.

Già dal 1977 Radio Popolare ospitava una trasmissione su visibilità e liberazione sessuale dal tono molto serio, tenuta dal Collettivo di liberazione sessuale, ideata da Elio Modugno.

L'Altro martedì, il cui nome richiama alla trasmissione televisiva L'Altra domenica di Renzo Arbore, si pone, al contrario, come format di totale rottura, con un'impronta del tutto nuova, tra il serio e l'irriverente, e un netto cambio di registro che gioca sui luoghi comuni e i pregiudizi sull'omosessualità e che, da subito, ha un grande successo. Il tono della trasmissione è ironico e autoironico, dissacrante, camp, scherzoso, molto teatrale e insieme corrosivamente cinico.
Paolo Rumi ricorda "il criterio è sempre stata l'onestà intransigente. Con una sola clausola, prendersi per il culo deliberatamente in maniera forte. [...] Noi volevamo dire: le cose si danno così e si dicono così, diciamole pure a voce alta" e, ancora, "tutto quello che le radio perbene non potevano dire noi lo dicevamo".

Ogni trasmissione propone informazione e intrattenimento.

L'informazione è legata allo spazio della rubrica Patty Pravda – Notizie dal sottobosco del vizio, con un'approfondimento della cronaca legata all'omosessualità sia locale, che nazionale che internazionale. L'Altro martedì propone anche interviste. Tra le prime quella a Pier Vittorio Tondelli che ha appena pubblicato il romanzo Altri libertini. Tra gli ospiti anche Angelo Pezzana, Ivan Cattaneo, Fernanda Pivano e Aldo Busi.

L'intrattenimento risulta l'ingrediente forte del programma che propone musica e rubriche.

La proposta musicale si concentra sulle icone gay (con Patty Pravo, Mina, Giuni Russo e così via) e su cover di brani celebri rivisitate in chiave omosessuale, autoprodotte dalla redazione o inviate su musicassetta dagli ascoltatori. Tra i pezzi più celebri "Maledetta parrucchiera", composta e cantata da Lancini (in arte Lostretta Goggi) sulle note di "Maledetta primavera" di Loretta Goggi, che è entrata nell'immaginario collettivo ed è stata oggetto di un corso monografico presso l'Università Statale di Milano intitolato Elementi di Parrucchierismo teorico e Il caso Viola Valentino del docente Corrado Levi. Ancora, tra le hits: "Troppo cagna" sulle note di "Tropicana", o "Schecca jouer", da un brano di Claudio Cecchetto, "Gioca-jouer".

Tra le numerose rubriche, per esempio, una parodia del Festival di Sanremo (Un frocio per l'estate, un concorso di parodie canore in onda per due anni con commenti, ospiti speciali e voto del pubblico, commenti alle partite di calcio in cui il centro del dibattere erano più le cosce dei calciatori che non le azioni di gioco, audio soap operas come Cunsciada de Pedra, una radio-novela (anzi, "frocionovela") in dieci puntate scritta sempre da Lancini. Spazio anche per la cucina con Le porno ricette di Ursula e per la poesia omosessuale con la rassegna Nessuno mi può giudicare.

Evoluzione

La formula di L'Altro martedìsi è evoluta nel corso degli anni e dal 1998 la trasmissione è condotta da Eleonora Dall’Ovo con una proposta di approfondimento sull'universo omosessuale dai toni più riflessivi e pacati rispetto a quelli dell'origine. Dall'Ovo, che per qualche anno è stata affiancata nella conduzione da Emiliano Placchi, si avvale della collaborazione di numerose figure eminenti della cultura e dell'attivismo LGBT italiano.

Voci correlate

Link esterni