Gomorra

Da Wikipink - L'enciclopedia LGBT italiana.
La distruzione di Sodoma e Gomorra, incisione di Étienne de Laune.

Gomorra (in ebraico עֲמוֹרָה,ʿAmora), è stata una delle mitiche "cinque città della pianura" (la più nota delle quali è Sodoma), distrutte da Dio, secondo la narrazione della Bibbia, per la corruzione dei loro abitanti. La sua distruzione è narrata in Genesi, capitolo 19.

Come quello di Sodoma, anche il nome di Gomorra è stato associato al concetto di dissolutezza e mancanza di regole morali: il caso più celebre di tale uso è oggi quello del romanzo di Roberto Saviano Gomorra, scelto anche per l'assonanza con la parola "camorra", che è il tema attorno a cui è imperniato il romanzo stesso (ed il film che ne è stato derivato).
Sulla scia del successo di tale romanzo, nel linguaggio giornalistico "Gomorra" è, nella sola Italia, usato come metafora per "area sotto il controllo della malavita camorristica"[1]

Gomorra nel senso comune e in letteratura

Tradizionalmente la distruzione di Gomorra è stata attribuita allo stesso peccato che aveva causato la distruzione di Sodoma, quindi il nome di Gomorra nella letteratura antica è sempre citato o in associazione con il nome di Sodoma ("Sodoma e Gomorra"), o per sostituirlo.

Gomorreo

Da Gomorra deriva la parola "gomorreo", che è stata usata con due significati distinti:

"Gomorreo" = "uomo sodomita"

Nel latino medievale il termine gomorrhaeus (italiano "gomorreo") è usato sempre come sinonimo di "sodomita"; un esempio macroscopico è il titolo del Liber gomorrhianus di san Pier Damiani (1007-1072) (un veemente attacco contro i comportamenti omosessuali del clero).

"Gomorrea" = "donna lesbica"

Tuttavia nel XIX secolo, sulla scia di un verso di Alfred de Vigny apparso nella poesia "La colère de Samson" (La Femme aura Gomorrhe / et l'Homme aura Sodome, cioè: "la donna avrà Gomorra e l'uomo avrà Sodoma") s'iniziò a distinguere fra "Sodoma" per indicare, come da tradizione, l'omosessualità maschile, e "Gomorra", per indicare invece il lesbismo. Un esempio di questo utilizzo si ha nel titolo del libello anticlericale Le couvent de Gomorrhe, del 1895, che ha per tema gli amori fra donne.
L'utilizzo, da parte di Marcel Proust, dei versi di Vigny in apertura del volume Sodoma e Gomorra della sua Recherche ha garantito un certo successo a tale uso, specie attraverso il termine (usato da Proust stesso), gomorrhéenne quale eufemismo per lesbica. Tale uso eufemistico è però passato di moda già prima della seconda guerra mondiale.

Biologia

In biologia Halobaculum gomorrense è il nome dato nel 1995 a un archeobatterio alofilo (tollerante del sale) scoperto sul Mar Morto.

Musica

"America Gomorrah" è il nome di un complesso di musica leggera.

Storia

Operation Gomorrah è il nome in codice dell'operazione di bombardamento, da parte della Royal Air Force, di Amburgo, nel 1943, durante la seconda guerra mondiale. Causò circa 50.000 morti.
Il nome fu palesemente scelto in base all'obiettivo di distruggere interamente col fuoco dal cielo la città (cercando di innescare il cosiddetto "turbine di fuoco"), come era già avvenuto a Gomorra.

Altro

Una etimologia popolare collega la malattia a trasmissione sessuale detta gonorrea o "scolo" al nome di Gomorra, anziché (come è corretto) alle due parole greche "gonos" (genitale) e "rhein", (scorrere).

Note

  1. Si veda per esempio: Antonio Crispino, Nel tribunale di Gomorra, dove i giudici non vogliono andare a lavorare, "Corriere della sera", 20 febbraio 2012; Francesco Merlo, La Gomorra delle Dolomiti, "La Repubblica", 5 gennaio 2012.

Voci correlate

Bibliografia

  • Piero Damiani, Liber gomorrhianus, Patrologia Latina, vol. 145, coll. 159-190. Ne esiste traduzione italiana online.
  • Jacques Souffrance (pseud.), Le Couvent de Gomorrhe. Roman historique. Moeurs abominables et mystères horribles des communautés religieuses, Paul Fort, Paris 1895.

Link esterni