Fuori! (rivista)

Da Wikipink - L'enciclopedia LGBT italiana.
Il numero zero della rivista "Fuori!" (dicembre 1971).

La rivista

"Fuori! fu la prima rivista di liberazione gay pubblicata in Italia, a cura dell'omonima associazione.

Il numero zero uscì nel dicembre 1971, il numero uno nel 1972. Tra le firme dei primi numeri: Mario Mieli, Angelo Pezzana, Enzo Moscato, Alfredo Coen, Myriam Cristallo, Corrado Levi e, per un paio di numeri, persino Fernanda Pivano.

La periodicità fu variabile, nonostante il tentativo iniziale di produrre un mensile (stampato in 7-8000 copie) da vendere nelle edicole e nelle librerie. Il mancato pagamento da parte del distributore, però, costrinse già nel 1973 a ripiegare su una periodicità irregolare e una vendita "militante", attraverso i gruppi stessi.

La rivista fece qualche tentativo di essere mista, grazie soprattutto allo sforzo di Rita Faustini, ma poi il carattere prevalentemente maschile dell'associazione Fuori!, oltre alla prevalenza sempre più diffusa tra le donne del separatismo lesbico, portarono a una prevalenza schiacciante delle tematiche caratterizzate in senso maschile.

Nel 1977 l'associazione optò per un periodico meno impegnativo e costoso, Lambda: un bollettino di poche pagine, venduto solo nelle librerie "alternative", che proprio per il suo costo contenuto poteva però garantire una periodicità più regolare. Tuttavia la testata "Fuori!" fu fatta rivivere dopo qualche anno a causa dello scontro politico scoppiato fra il direttore di "Lambda", Felix Cossolo, e il leader del Fuori!, Angelo Pezzana, in merito a una finta intervista a Marco Pannella contenente un coming out (di fatto un outing).

Una copertina di Marco Silombria (dicembre 1979).

Le due riviste gemelle presero quindi strade diverse: mentre "Lambda" si caratterizzò sempre più come il bollettino di riferimento di tutti i gruppi gay italiani autonomi dal partito radicale, "Fuori" divenne l'organo del solo Fuori!, associazione nazionale ormai federata al Partito Radicale e politicamente ad esso contigua.

In questo periodo la rivista acquisì una spiccata riconoscibilità grazie all'impostazione grafica e alle copertine di Marco Silombria, alcune delle quali hanno ormai raggiunto lo status di icone.

La rivista venne infine chiusa nel 1982, col n. 32, quando il Fuori! fu ufficialmente sciolto al congresso di Vico Equense.

Il sito "Omofonie" ha realizzato la scansione in Pdf e la pubblicazione online della raccolta completa della testata "Fuori!".

Altre testate

Diversi gruppi locali del Fuori! hanno realizzato discontinuamente bollettini, spesso ciclostilati, sempre ad uscita unica o irregolare, usciti come supplementi a Fuori!, per esempio Fuori Orfeo Pisa (ciclostilato), o il numero unico Usciamo FUORI! a Milano (a stampa), che precedette di poco (1975) il distacco del gruppo di Milano e la sua trasformazione in C.O.M. (1976).

Bibliografia

Voci correlate