Franco Grillini

Da Wikipink - L'enciclopedia LGBT italiana.
Franco Grillini al Biella Pride 2008, tenutosi a Biella il 14 giugno 2008. Foto di Giovanni Dall'Orto.

Franco Grillini (Pianoro, 14 marzo 1955) è un uomo politico e militante omosessuale italiano.

Biografia

Nasce a Pianoro, in provincia di Bologna, nel marzo del 1955.

Militanza politica

Impegnato politicamente dall’età di 15 anni, è protagonista del movimento studentesco bolognese negli anni Settanta fino ad assumere l’incarico di responsabile nazionale studenti medi del PdUP, partito di cui è stato anche segretario organizzativo per la federazione di Bologna.

Nel 1979 si laurea a Bologna in pedagogia e diventa successivamente psicologo, psicoterapeuta e giornalista.

Nel 1985 è candidato a Bologna nelle liste del PCI per la Provincia; nel 1987 è candidato alle politiche dove ottiene circa cinquemila voti di preferenza; nel 1990 è eletto in Consiglio provinciale a Bologna dove è stato rieletto nel 1995 e nel 1999, dove ricopre l'incarico di presidente della Commissione Consiliare "Istruzione, Sanità, Politiche Sociali, Lavoro, Università, Relazioni Sindacali"; nel 1992 è candidato alle politiche; nel 1994 è candidato alle Europee nelle liste del Pds per la circoscrizione del nord-est: riporta un grande successo personale raccogliendo ventunmila voti di preferenza, di cui novemila a Bologna.

Militanza gay

Nel 1982 ha inizio la sua militanza omosessuale con l’inaugurazione della sede del circolo di 'cultura omosessuale “28 giugno”: il Cassero di Porta Saragozza.

Nel 1985 fonda, insieme ad altri, Arcigay nazionale (di cui è l'ideatore) diventando prima segretario e poi presidente (al congresso di Rimini, dicembre 1987).

Tra i punti qualificanti del programma elaborato e proposto da Franco Grillini, e approvato dall’associazione, ci sono la costruzione della rete nazionale dei “Consultori autogestiti” per la salute delle lesbiche e degli omosessuali e la proposta di riconoscimento giuridico delle coppie omosessuali.

Nel 1987 fonda con altri la LILA (di cui è l'ideatore), Lega Italiana per la Lotta contro l'Aids.

Nel maggio 1997 è ideatore e fondatore della LIFF LIFF, Lega Italiana Famiglie di Fatto, che dall’autunno 2004 prende il nome di LIPS, Lega Italiana Pacs.

Nella sua qualità di giornalista dà vita nel 1989 alla rivista CON/TATTO di cui è direttore responsabile e collabora a numerosi giornali e periodici.

Il 29 maggio 1998 su Internet apre la rivista N.O.I., Notizie Omosessuali Italiane che, come primo impegno, dà il resoconto del 9° Congresso ARCIGAY in diretta. Dal 2004 NOI si trasforma in Gaynews.it.

Nel marzo ’98 fonda l’associazione omosessuale d’informazione “Italia Gay Network”, GAY.NET (di cui è Presidente Nazionale), che gestirà la rivista N.O.I prima e Gaynews.it poi.

Al congresso nazionale di Arcigay (Roma, 5-6-7 giugno 1998) è stato designato alla presidenza onoraria dell'associazione, riconfermato nel 2002 al congresso di Riccione.

Elezione in parlamento

Viene eletto alla camera dei deputati il 13 maggio 2002 nelle liste dei DS nel proporzionale dell'Emilia Romagna.

In qualità di parlamentare presenta numerose interpellanze e interrogazioni relative alla comunità gay e lesbica italiana e al problema Aids.

È protagonista in primo piano della battaglia contro la legge Giovanardi contro le discoteche, legge che poi viene ritirata e dal 1 luglio 2004 attraverso il gruppo Ds, riesce ad iscrivere all'ordine del giorno della Camera in Commissione Giustizia la proposta di legge sul Pacs, il "Patto Civile di Solidarietà".

Nel secondo mandato parlamentare Grillini riesce a far approvare alla Commissione Giustizia della Camera prima dello scioglimento della legislatura la legge contro l'omofobia.

Su sua iniziativa la Presidenza del consiglio dei ministri attribuisce il vitalizio per meriti culturali ad Aldo Braibanti. Contribuisce infine all'iter della legge sull'asilo politico delle persone perseguitate nel loro paese, che viene approvata in via definitiva dal senato nel 2007.

È autore dell'emendamento alla finanziaria 2006 che intendeva estendere ai conviventi lo sconto in materia successoria previsto per i coniugati (da questa discussione il Governo partirà per l'elaborazione della legge sui Dico).

Dopo il Parlamento

Franco Grillini assieme a Stefano Bolognini.

Nel 2008 è candidato alla carica di sindaco di Roma per il Partito Socialista. Esce per i tipi Rizzoli Ecce Omo, libro autobiografico sulla storia del movimento per i diritti civili delle persone omosessuali negli ultimi 25 anni in Italia.

Nel 2010 viene eletto in Consiglio Regionale Emilia-Romagna nelle liste dell'Idv a Bologna e provincia.

Attualmente (2011) è presidente della Commissione politiche economiche della Regione Emilia Romagna. Nell'Idv ricopre l'incarico di responsabile nazionale diritti civili.

Alle elezioni amministrative del 2011 Grillini è capolista dell'Idv nel comune di Bologna.

Il 27 ottobre 2012 il politico abbandona l'IdV e aderisce al movimento "Diritti e Libertà"[1].

Bibliografia

  • Franco Grillini e Maria Rosaria Marella (a cura di), Stare insieme. I regimi giuridici della convivenza tra status e contratto, Jovene, Napoli 2001.
  • Franco Grillini e Laura Maragnani, Ecce omo. 25 anni di rivoluzione gentile, Rizzoli, Milano 2008. ISBN 9788817023849
  • Franco Grillini, Gay, molti modi per dire ti amo. Intervista a cura di Claudio Sabelli Fioretti, Aliberti, Milano 2007. ISBN 9788874242689

Aforismi

Link esterni

  • Collabora a Commons Wikimedia Commons contiene file multimediali su [[Commons:Franco Grillini|]]
  • Note

    1. Giulia Zaccariello, Grillini si dimette dall’Idv: “Un errore le polemiche col centrosinistra”, "ilfatoquotidiano.it", 27 novembre 2012.