Diritti alla meta

Da Wikipink - L'enciclopedia LGBT italiana.
Il collettivo De-Generi espone uno striscione con la celebre frase di Harvey Milk Hope we never be silent durante la manifestazione "Diritti alla meta"

Diritti alla meta è il nome di una manifestazione di protesta che il movimento LGBT ha messo in atto il 5 marzo 2016 a Roma, in piazza del Popolo, per protestare contro le scelte del governo Renzi e del Parlamento sulle unioni civili, che ha visto approvare il DDL Cirinnà senza stepchild adoption e vincolo di fedeltà[1].

Chi ha partecipato alla manifestazione rivendicava il diritto al matrimonio egualitario e alla possibilità di adozione per le coppie non eterosessuali[2].

Presentatrice dell'evento è stata Giulia Innocenti, con le cantanti Emma Marrone e Paola Turci, l'attore Carlo Gabardini e l'attivista Francesca Vecchioni come ospiti[3].

L'affluenza è stata superiore al previsto: le persone attese erano trentamila[2], mentre ne sono scese in piazza quarantamila[4].

A causa delle avverse condizioni metereologiche, le figlie e i figli delle Famiglie Arcobaleno sono saliti sul palco in anticipo rispetto al palinsesto per evitare che la pioggia potesse rovinare il momento della loro testimonianza[3].

Associazioni partecipanti

Hanno organizzato l'evento le seguenti associazioni[5]:

  • Agedo
  • Anddos
  • Antéros Lgbti Padova
  • Arcigay
  • Arcilesbica
  • Associazione ARC
  • Associazione Lista lesbica italiana
  • Associazione radicale Certi Diritti
  • Avvocatura per i diritti LGBTI-Rete Lenford
  • Azione gay e lesbica
  • Cammini di speranza
  • CDM Collettivo Donne Milanesi
  • Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli
  • Condividilove
  • Coordinamento Torino Pride
  • Digayproject
  • Edge
  • Famiglie Arcobaleno
  • Gaycs
  • Gaynet
  • Gayvillage
  • I ken Campania
  • I mondi diversi
  • In piazza per il family gay
  • Intersexioni
  • Ireos
  • I sentinelli di Milano
  • La Fenice gay
  • Lesbiche Fuorisalone
  • Luiss Arcobaleno
  • Magen David Keshet Italia
  • Mit
  • Ora o mai più
  • Polis Aperta
  • Renzo e Lucio - Gruppo GLBTS Lecco
  • Rete Genitori Rainbow
  • Coordinamento Campania Rainbow

Hanno aderito all'iniziativa le seguenti sigle[5]:

  • CGIL
  • Arci
  • Rete della Conoscenza
  • Unione degli Universitari
  • UAAR
  • Amnesty
  • Scosse
  • CILD
  • Coordinamento Genitori Democratici
  • ìI-Ken Campania
  • Azione Trans
  • Pianeta Viola
  • Studenti alla Terza (Assoc. Studenti Università Roma Tre)
  • Naga ONLUS, Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti - Milano
  • Circolo Tondelli
  • BESt - Bocconi Equal Students
  • Telefono Rosa Nazionale
  • Assist Ass. Naz. Atlete
  • CorAcor - Napoli Rainbow Choir
  • Coordinamento Arcobaleno di Milano
  • Gl9be-MAE
  • Gay Statale - Università Statale di Milano
  • Le Rose di Gertrude -Magenta
  • Renzo e Lucio - gruppo LGBT Lecco
  • Telefono Rosa
  • Buzi ÚjHullám - Nuova Onda Frocia
  • Gruppo Buddista Arcobalena Roma
  • Wake Up Italia Londra

Note

  1. Manifestazione 5 marzo 2016: Diritti alla meta!, Gay.it, 5 marzo 2016.
  2. 2,0 2,1 «Diritti alla meta», lgbt in piazza a Roma, Il Manifesto, 4 marzo 2016.
  3. 3,0 3,1 Valerio Mezzolani, Ora diritti alla meta. "Il 5 m'arzo": anche il Pasquino è con noi, 6 marzo 2016.
  4. Unioni Civili, organizzatori: "Siamo 40 mila, ora 'diritti alla meta'", La Repubblica, 5 marzo 2016.
  5. 5,0 5,1 Pagina Facebook dell'evento "ORA DIRITTI ALLA META"